L’Ambasciatore Jambaldorj Tserendorj ha presentato Le Lettere Credenziali presso il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo

Il 28 ottobre 2016 L'Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Mongolia nella Reppublica Italiana, Rappresentante permanente della Mongolia presso il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), Jambaldorj Tserendorj ha presentato le Lettere Credenziali al Presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), Kanayo Felix Nwanze.
Hanno partecipato all'incontro il Program Manager di IFAD per Le regioni dell'Asia e Pacifico, Hoonae Kim, l’assistente Nigel Bret, ed il Consigliere dell'Ambasciata della Mongolia, Sambuu Davaadash.
Dopo la presentazione delle Lettere Credenziali al Presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), Kanayo Felix Nwanze, l’Ambasciatore Ts. Jambaldorj ha tenuto un discorso sulle loro relazioni e collaborazioni. Specificando che attraverso il loro Fondo di circa 30 milioni di dollari USA, negli ultimi venti anni, si sono potuti sviluppare con successo ben tre progetti.
Il Presidente Kanayo Felix Nwanze ha espresso la propria soddisfazione nel ricevere le credenziali di membro permanente dall’Ambasciatore Ts. Jambaldorj presso l’IFAD. Inoltre ha espresso la volontà di portare avanti la collaborazione, evidenziando il fatto che la Mongolia, vanta una partecipazione attiva sia ai progetti con IFAD che con altre organizzazioni dell’ONU, sulla scorta altresì degli esiti positivi dell’investimento in Mongolia ad inizio anno.
L’Ambasciatore, da parte sua, ha manifestato il proprio compiacimento per la comunicazione della buona notizia circa il rinnovo del progetto “Mercato e Management della prateria” discusso oggi stesso durante un incontro tenutosi a Ulaanbaaar con i delegati dell’IFAD, e riportato al Parlamento, esprimendo la propria fiducia che il Governo Mongolo e l’Ambasciata agiranno di conseguenza.
Mentre l’IFAD sottoscrive i documenti delle relazioni strategiche del programma con il Paese in cui sono indicati circa 9-10 anni di collaborazione, la Mongolia, da parte sua, mantiene la possibilità di effettuare una Nota strategica del Paese, della durata di 4-5 anni.